La Befana vien di notte…

La Befana vien di notte, con le calze tutte rotte/ è vestita alla romana, viva viva la Befana!”…chi di voi non abita a Roma, difficilmente può rendersi conto di quanto questa bizzarra filastrocca richiami i periodi più belli e colorati della nostra infanzia.

 

Click for English version.

La mattina del 6 gennaio, ancora tronfi delle leccornie natalizie, ci si alzava presto, di buon ora, sfidando il freddo del pavimento e recandosi con passo felpato nel salotto di casa…alla ricerca della calza! La calza che la Befana portava a tutti i bambini, il dono che – dopo i molti regali che Babbo Natale aveva recapitato pochi giorni prima a partire dalle “letterine” scritte a mano dai bambini di tutto il mondo – suggellava la fine delle feste ed un piccolo bilancio sul comportamento dei più piccoli. “Riceverò dolciumi o carbone?”, si chiedeva ogni bambino mentre si rigirava impaziente nelle coperte, la sera di ogni 5 gennaio.

Allo stesso modo, seppur a partire da pagane convinzioni, gli infanti dell’antica Roma celebravano la festa del 6 gennaio, originaria del X-VI secolo a.C. e connessa inizialmente ai riti propiziatori dell’attività agricola. Gli antichi Romani fecero propri questi riti con il passare dei secoli, associandoli però al calendario romano e celebrando l’arco temporale tra la fine dell’anno solare, ovvero il solstizio invernale, e la ricorrenza del Sol Invictus. La dodicesima notte dopo il solstizio invernale si celebrava la morte e la rinascita di Madre Natura: nell’antica Roma si credeva che durante queste dodici notti (il cui numero avrebbe poi rappresentato i dodici mesi dell’innovativo calendario romano) delle figure femminili volassero sui campi coltivati per propiziare la fertilità dei futuri raccolti, da cui il mito della figura “volante” che arriva fino ai giorni nostri e che ci ricorda come la Befana sfrecci nei cieli stellati a bordo della sua scopa volante.

 

Al gennaio 5, 2015
A Roma la tradizione della Befana si è sempre sposata con un momento “cult” delle festività natalizie. L’epifania del mondo cristiano è sempre stata simbolo, qui a Roma, del protagonismo dei bambini. Centinaia di bancarelle di dolciumi, giochi e artefatti colorati, animazioni e musica, hanno da sempre riempito e animato Piazza Navona, una delle piazze più belle del centro storico romano, nonché una delle piazze tradizionalmente più visitate dai turisti che giungono nella capitale italiana per passare le festività natalizie.

Gustatevi l’ebbrezza del Natale e la magia dell’Epifania nella città eterna, chiudendo il vecchio anno e iniziando quello nuovo in un’atmosfera speciale che solo Roma è in gradi di offrirvi!

Buone feste a tutti e tutte!

L’articolo di Samir Hassan