La tradizione del Presepe… nella Roma che si prepara alle festività natalizie!

Se per molti il Natale è simboleggiato dall’, dalle decorazioni sull’albero e da piccole riproduzioni di un affannato Babbo Natale che si arrampica sui balconi per portare il suo sacco di doni, per altri è il presepe ad incarnare il vero spirito natalizio.

usa

Click for English Version.

Anzi, ripercorrendo la storia dell’Epifania, il presepe arriva fino ai giorni nostri come simbolo unico in gradi unire tutte le festività che vanno dal Natale al 6 gennaio, da Babbo Natale e la sua slitta alla Befana e la sua scopa volante.

Roma, nelle sue mille decorazioni di festa, non ha certamente snobbato l’antica tradizione del presepe. Certo, dalle parti della città eterna questo non rappresenta un vanto e una tradizione pari a quella che invece si respira a Napoli, dove nelle strade del centro storico ci sono centinaia di botteghe artigiane che preparano a mano i pezzi per la composizione natalizia.

In questi giorni Roma offre due ghiotte opportunità a coloro i quali fossero interessati a riscoprire l’antico culto del presepe. A Piazza del Popolo, presso la Sala del Bramante (Basilica di Santa Maria del Popolo), sarà possibile visitare fino al 6 gennaio 2015 la 39esima edizione dell’Esposizione Internazionale “100 Presepi”, a partire dalle ore 9.30 fino alle 20.00 (tutti i giorni).

Questa esposizione, ormai divenuta una cerimonia storica del periodo natalizia, è stata ideata dal giornalista Manlio Menaglia ed ogni anno rende possibile alla popolazione romana, e ai turisti che sono ospiti durante le festività, di poter ammirare oltre 100 presepi originari di diverse parti d’Italia e del mondo: artigiani, enti, associazioni a vario titolo ed istituti scolastici sono i creatori di queste bellissime opere tutte handle-made. Tra le molte opere, anche quella proveniente dagli stati Uniti e che è stata selezionata per pubblicizzare la campagna di questa 39esima edizione.

In zona Laurentina, invece, nei locali della Comunità Missionaria di Villaregia (riserva naturale di Decima Malafede) – dunque, non proprio al centro di Roma, ma in una delle sue aree più verdi – sarà possibile apprezzare il più grande Presepe Vivente Missionario d’Italia. I figuranti di questa colossale iniziativa saranno oltre 200, mentre sono previsti migliaia di costumi e di visitatori che creeranno l’atmosfera giusta per ripercorrere la tradizione della festività più nota. L’iniziativa immergerà il visitatore tra botteghe, mestieri e arti dell’epoca, animali “originali” delle lontane terre di Betlemme e la sfilata dei Magi con i loro doni. Sono tre gli appuntamenti previsti: le 2 domeniche del 21 e 28 dicembre, e il sabato del 3 gennaio del nuovo anno.

Per chi volesse invece assaporare il presepe dopo una bella passeggiata in centro, magari dopo aver avuto il piacere di visitare con le nostre guide il Colosseo e i Fori Imperiali, il consiglio è quello di recarsi nei locali sottostanti la Chiesa di SS. Quirino e Giulitta dove è ospitato il Museo Tipologico Internazionale del Presepe. Qui troverete esposti numerosi presepi in cartapesta leccese, terracotta siciliana, legno, ceramica, vetro, marzapane, uova, foglie di mais, madreperla, pietra, carbone, panno: opere tra le più apprezzate nel variopinto panorama dell’artigianeria da presepe.

Passate il vostro Natale nella città eterna, e sotto il maestoso albero di Piazza Venezia mettete i vostro sogni e regali più grandi…regalatevi le esperienze uniche dei tour Mind the Guide, oggi in promo festività con il 20% di sconto!

  L’articolo di Samir Hassan